LE CONTROLLI LE TUE MINUSVALENZE?

FILTRI
Chiudi

Notizie più lette

la decorellazione

L'IMPORTANZA DELLA DECORRELAZIONE FINANZIARIA

Cat: News - Venerdì 07 Dicembre 2018

La variabile volatilità La decorrelazione finanziaria è un indicatore statistico che misura le relazioni tra gli andamenti di due mercati o indic...

I CERTIFICATI

Cat.: News - Martedì 05 Febbraio 2019

IL PROFILO DI RISCHIO E MIFID2

Cat.: News - Giovedì 24 Gennaio 2019

CONTROLLI LE TUE MINUSVALENZE?

 

Perché è importante soprattutto verso la fine dell’ anno sapere se ci sono delle minusvalenze associate al proprio codice fiscale? Ti sei mai preoccupato di controllarle? E se dovessi averne, come ti comporti? Oggi mi occupo di un tema attuale, quello delle minusvalenze, di cui però non tutti conoscono gli aspetti principali, dalla tassazione alla compensazione. Cerchiamo di fare un passo indietro, anzi due.

 

COSA SONO LE MINUSVALENZE

 

Le minusvalenze, che sono personali in quanto associate al codice fiscale, si creano quando vengono venduti degli strumenti finanziari realizzando delle perdite. Queste minusvalenze  non sono altro che un credito che vantiamo nei confronti dello Stato, ma non durano in eterno, infatti devono essere compensate entro il quarto anno successivo a quello in cui sono state realizzate. Ci sono delle regole che vanno conosciute per poter  svolgere la  compensazione e quindi per non pagare il capital gain sui guadagni, quella più importante è che le minusvalenze non possono essere compensate vendendo in guadagno degli strumenti che fanno parte del risparmio gestito come i fondi comuni di investimento.

Le minusvalenze inoltre  non si possono compensare se sono su intermediari finanziari diversi  ( se ho delle minusvalenze  nella banca x non posso compensarle se i guadagni sono realizzati sulla banca y) ma si può ovviare a questo, trasferendole da un intermediario all’ altro richiedendo la certificazione delle stesse.

 

LA TASSAZIONE DELLE RENDITE FINANZIARIE

 

Fino all’ anno 2014 la tassazione sui guadagni ottenuti con gli strumenti finanziari era del 12,50%. Oggi questa aliquota viene applicata solamente ai titoli di Stato italiani o Esteri o agli enti sovranazionali, tutti gli altri investimenti sono soggetti ad un aliquota del 26% ( discorso a parte va fatto per gli ETF ed i PIR) introdotte dal governo Renzi.

 

PERCHE' A FINE ANNO BISOGNA PRESTARE ATTENZIONE?

 

Torniamo alla domanda iniziale, i clienti che nell’ anno 2014 hanno realizzato delle minusvalenze  hanno tempo fino al 31/12/2018 per poterle compensare. Ciò significa che devono realizzare dei guadagni prima di questa data, oppure più banalmente potrebbero vendere ( non fondi comuni di investimento, vi ricordate?) qualcosa che hanno già nel proprio portafoglio con dei guadagni. Per assurdo vendendo e ricomprando questo stesso strumento andrebbero a rendere efficiente da un punto di vista fiscale il proprio portafoglio.

 
MA IO HO DELLE MINUSVALENZE?

 

Per ottenere questa risposta dovresti rivolgerti alla tua banca e richiedere la tua posizione fiscale. Non aspettate la telefonata, potrebbe farvi perdere tempo prezioso.

Condividi la notizia

Potrebbe interessarti anche...

scam-2048851-1920.jpg

RAGGIRI E TRUFFE ON-LINE: BANCHE SOTTO LA LENTE

Vademecum per difendersi   Alcuni clienti, ...

scopri
arm-wrestling-567950-1920.jpg

PIL E MERCATI: CHI AVRA' LA MEGLIO?

Chi vincerà?   Un lontano ricordo è orama...

scopri
patrimoniale.jpg

PATRIMONIALE SI O PATRIMONIALE NO?

Il fantasma della patrimoniale   Il fantasm...

scopri
0 commenti

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori

contattami

Richiesta informazioni

Hai bisogno di una consulenza in campo finanziario?
Contattami subito, sono a tua disposizione.

Privacy policy

Tutti i campi sono obbligatori