LE AZIONI: COSA SONO E COME ACQUISTARLE?

FILTRI
Chiudi

Notizie più lette

la decorellazione

L'IMPORTANZA DELLA DECORRELAZIONE FINANZIARIA

Cat: News - Venerdì 07 Dicembre 2018

La variabile volatilità La decorrelazione finanziaria è un indicatore statistico che misura le relazioni tra gli andamenti di due mercati o indic...

LE AZIONI: COSA SONO E COME ACQUISTARLE?

Cat.: News - Domenica 27 Gennaio 2019

I CERTIFICATI

Cat.: News - Martedì 05 Febbraio 2019

Comprare un'azione

 

Acquistare una quota di proprietà e quindi di capitale di una società per azioni significa comprare un'azione. L' azionista ( shareholder), ossia il titolare di un azione, possiede una porzione del capitale azionario complessivo della società, con tutti gli oneri e i diritti. L’investitore partecipa al capitale di rischio, diventa socio e dunque l'azione diventa una forma di investimento. Così, si espone a rischi maggiori, pur potendo ottenere anche rendimenti più elevati che nelle obbligazioni. Le azioni possono essere  non quotate quotate. Presso la Borsa italiana sono quotate le azioni italiane. Quest'ultima risulta essere una delle principali Borse Europee che si occupa anche dell’esclusione e dell'ammissione di strumenti finanziari e operatori dalle negoziazioni, inoltre controlla e gestisce le negoziazioni e gli obblighi di emittenti ed operatori.

 

Cosa sono le azioni?

 

L’ azione è un titolo che permette di controllare una certa quota di una S.p.A.. ne esistono diversi tipi fra cui: ordinarie, privilegiate, di risparmio, senza diritto di voto, o con diritto di voto limitato. Può essere acquistata direttamente oppure comprata tramite un fondo di investimento. Le azioni vengono divise in classi differenti: A, B, C, D, ecc.. e ogni classe indica quali sono i diritti degli azionisti in termini di prezzo, dividendi, addendi, opzioni su future emissioni azionarie e diritti di voto.

 

Tipi di azioni

 

Esistono azioni di diversi tipo:

  • Azioni privilegiate: attualmente sempre più rare non danno diritto di voto nelle assemblee straordinarie e sono privilegiate dalla ripartizione degli utili.
  • Azioni ordinarie: nelle assemblee ordinarie e straordinarie garantiscono il diritto di voto
  • Azioni di risparmio: offrono un dividendo superiore  quelle ordinarie ma non conferiscono alcun diritto di voto

Intermediari autorizzati, società e banche di intermediazione mobiliare (SIM) sono i mezzi che permettono alle persone fisiche di comprare o vendere titoli, i quali inseriranno per loro conto nei sistemi telematici gli ordini di vendita e acquisto di azioni.

 

Dividendo

 

I mercati azionari di Borsa italiana sono: l’AIM Italia che è riferito alle piccole e medie imprese (PMI), l'MTA il mercato telematico azionario, dove si negoziano obbligazioni convertibili, azioni, warrant e diritti di opzione e il MIV dedicato agli Investiment  Vehicles. L’obiettivo delle società che emettono azioni è legato al reperimento di liquidità finanziaria che è necessaria per sviluppare l’attività societaria e per effettuare investimenti, dando così la possibilità all’azionista di prendere una quota dei profitti aziendali con il pagamento di un dividendo che si somma all’eventuale performance che può nascere in seguito all'andamento sul mercato delle azioni. Il dividendo è dunque una partizione dell’utile che viene distribuita e stabilita dall’Assemblea degli azionisti alla fine di ogni esercizio per remunerare il capitale dei soci. L’ azionista è un socio che deve attentamente valutare i rischi legati all’attività economica della società stessa sopportando anche l’ eventuale rischio di deprezzamento del valore dell’azione stessa e quindi perdite in conto capitale e per il valore delle azioni in suo possesso. Oltre i dividendi, tra i diritti dell’azionista troviamo la possibilità di:

 

  • Esaminare libri sociali
  • Nelle assemblee pronunciare il proprio voto
  • Impugnare le delibere assembleari invalide

 

Valutazione e indicatori

 

Nelle valutazioni del rischio gli azionisti scelgono approcci diversi:

Analisi fondamentale:  permette di contestualizzare gli esiti bilancistici nell’ ambito del settore di appartenenza e della realtà economica dei Paesi dove viene svolta l’ attività di produzione dell’attività, studiando i dati economici delle aziende.

Analisi tecnica : analizza grafici che supportano una strategia di portafoglio più legata a logiche di trading e dunque di un investimento più opportunistico rispetto all’approccio del tipico “cassettista” che ragiona su un’ottica di medio/lungo termine. Gli indicatori economici servono a fornire informazioni sull’azienda in maniera integrata e sistematica. Si suddividono in indicatori economici e indicatori finanziari. Quelli economici danno informazioni sull’andamento dell’attività economica dell’impresa, mentre quelli finanziari forniscono dettagli di un analisi di performance dell’azienda e del suo equilibrio finanziario.

Prossimamente parleremo invece delle obbligazioni, per capire le differenze fra i due tipi di investimento.

 

Condividi la notizia

Potrebbe interessarti anche...

scam-2048851-1920.jpg

RAGGIRI E TRUFFE ON-LINE: BANCHE SOTTO LA LENTE

Vademecum per difendersi   Alcuni clienti, ...

scopri
arm-wrestling-567950-1920.jpg

PIL E MERCATI: CHI AVRA' LA MEGLIO?

Chi vincerà?   Un lontano ricordo è orama...

scopri
patrimoniale.jpg

PATRIMONIALE SI O PATRIMONIALE NO?

Il fantasma della patrimoniale   Il fantasm...

scopri
0 commenti

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori

contattami

Richiesta informazioni

Hai bisogno di una consulenza in campo finanziario?
Contattami subito, sono a tua disposizione.

Privacy policy

Tutti i campi sono obbligatori