DEBITO PANDEMICO E BTP FUTURA 2

FILTRI
Chiudi

Notizie più lette

la decorellazione

L'IMPORTANZA DELLA DECORRELAZIONE FINANZIARIA

Cat: News - Venerdì 07 Dicembre 2018

La variabile volatilità La decorrelazione finanziaria è un indicatore statistico che misura le relazioni tra gli andamenti di due mercati o indic...

I CERTIFICATI

Cat.: News - Martedì 05 Febbraio 2019

IL PROFILO DI RISCHIO E MIFID2

Cat.: News - Giovedì 24 Gennaio 2019

CHE COSA E' BTP FUTURA 2?

 

Oggi, lunedì nove novembre parte il BTP futura 2 è un Titolo di Stato italiano emesso con la finalità di finanziare il debito pandemico.E’ destinato alla clientela retail, quindi ai piccoli investitori che in questo momento hanno parecchia liquidità sui propri conti correnti. La scadenza rispetto alla prima edizione si è accorciata: è passata dalla precedente di 10 anni a quella attuale di 8, ma purtroppo è diminuita anche la remunerazione di questo strumento. Anche ora prevede una parte fissa crescente , con cedole a partire dallo 0,35% per i primi tre anni, dello 0,6% nel triennio seguente e 1% per gli ultimi anni. A queste cedole, solo per chi tiene il BTP fino a scadenza,  si aggiunge una parte variabile che porterà la remunerazione complessiva in una forbice di rendimento che oscillerà dallo 0,73% allo 0,98% annuo.

 

HA UN BUON RENDIMENTO?

Per rispondere a questa domanda, l’unica cosa da fare è rapportare questi rendimenti con quelli del BTP di pari durata che si possono trovare sul mercato secondario. Più semplicemente, compro il BTP futura sul collocamento o vado a comprare un BTP che è già sul mercato? La risposta è semplice se considero il premio fedeltà, che però si ottiene tendendo il titolo per 8 anni , il BTP futura rende quasi il doppio. Quindi da un punto di vista dei rendimenti direi che è conveniente.

 

COME E' L'ATTUALE CONTESTO DI MERCATO SUI TITOLI DI STATO?

 

Il rendimento del BTP italiano vive  un contesto storico molto particolare, i tassi in questi ultimi mesi non sono scesi, sono precipitati, vuoi che il Recovery Found ha ridotto il rischio Italia, vuoi che la banca centrale europea ha aumentato gli acquisti. A luglio un BTP a 8 anni rendeva poco più dell’1%, oggi invece si è più che dimezzato.

 

QUINDI MEGLIO COMPRARLO OPPURE NO?

 

Come per qualsiasi strumento finanziario, non esiste una risposta certa a questa domanda. L’unica cosa saggia da fare è porsi alcune riflessioni. Queste di seguito sono quelle che io porrei ad un mio cliente per valutare l’acquisto o meno:

  • Ho già il “rischio Italia” presente nel mio portafoglio? Se sì, in quale percentuale?
  • Un investimento a 8 anni adatto al raggiungimento dei miei obiettivi? O almeno ad uno di questi?
  • Lo compro in un’ottica tattica pensando quindi ad una nuova discesa dei rendimenti , oppure in un’ottica strategica per tenerlo fino a scadenza?
  • Meglio comprare un BTP a tasso fisso, o in questa fase è preferibile un inflation linked, titolo che su un aspettativa di ripresa dell’inflazione potrebbe salire velocemente di prezzo?

 

PER CONCLUDERE

 

Per dubbi o domande scaturite dalla lettura dell’articolo vi invito a contattarmi per confrontarsi ed avere una visione più chiara della situazione e dell’argomento. Resto in ogni caso a disposizione per qualsiasi altro dubbio o domanda.

Come sempre, grazie per la vostra attenzione e a presto con il prossimo articolo

Silvio

Condividi la notizia

Potrebbe interessarti anche...

scam-2048851-1920.jpg

RAGGIRI E TRUFFE ON-LINE: BANCHE SOTTO LA LENTE

Vademecum per difendersi   Alcuni clienti, ...

scopri
arm-wrestling-567950-1920.jpg

PIL E MERCATI: CHI AVRA' LA MEGLIO?

Chi vincerà?   Un lontano ricordo è orama...

scopri
patrimoniale.jpg

PATRIMONIALE SI O PATRIMONIALE NO?

Il fantasma della patrimoniale   Il fantasm...

scopri
0 commenti

Lascia un commento

Tutti i campi sono obbligatori

contattami

Richiesta informazioni

Hai bisogno di una consulenza in campo finanziario?
Contattami subito, sono a tua disposizione.

Privacy policy

Tutti i campi sono obbligatori